la donna che amo

La donna che amo ha negli occhi l’universo,

con i suoi incanti i suoi segreti.

Il suo volto è una rosa, le sue labbra sorridono

giocano con i miei pensieri,

diventano farfalle con le ali rosse,

si posano sul mio corpo, creano arabeschi

le sue parole diventano viole.

La donna che amo accoglie il cielo nel suo corpo

gli astri sono i miei sogni, la bellezza della follia

mi cosparge di luce e d’amore.

la donna che amo sa portarmi in paradiso

il suo amore riempie il mio cuore di petali di pesco

mi insegna ogni volta a entrare negli abissi del suo corpo

e camminare nel piacere del peccato.

la donna che amo ha pelle bianca

profuma di gelsomino, il suo corpo è pieno di poesia,

mi ubriaca con il nettare della sua bocca,

mi sussurra misteri e incanti,

ed io vago come nubi liete creando immagini di fiori

fino a perdermi nell’arcobaleno.

Enrico Garrou

Il giardino delle delizie di Hieronymus Bosch

Cantico

La tua bellezza gioca in questo cielo

su questa terra coperta di fiori,

abitata da dei, ninfe, sognatori, incantatori

poetesse, unicorni, colibrì dai mille colori.

Sei farfalla che vola nei miei sogni

popolandoli di desideri, magie, incantesimi.

la tua voce colora l’amore e l’arcobaleno,

ti vesto di carezze, di baci, di sospiri,

sfioro il candore dei tuoi fianchi,

mi perdo nella rosa rossa del tuo sesso,

I suoi petali sono labbra disegnate da incanti.

Sei dolce come l’uva matura,

deliziosa come le bacche del gelso.

Profumi di caprifoglio, di gelsomino,

giocano sulla tua pelle, inebriano il mio olfatto

lo riempiono di comete, di sfere colorate,

ed io mi perdo incantato, e non so capire

dove inizia il gioco, dover finisce la magia

poi tutto esplode e sono piume, coralli,

suoni, soli, giade, perle, parole, luce.

Dammi la mano, l’aurora sta per arrivare,

tu sei miele, tu sei la luce tu sei il desiderio, l’amore.

Enrico Garrou

Giorgia o’Keeffe

giorgia o' Keeffe (2)