Stanotte

Stanotte
Stanotte quando tutti i suoni saranno spenti
E le api nell’alveare creeranno sogni per la regina;
si, quando gli adoratori delle tenebre
renderanno il cielo nero per la gioia dei gufi e delle civette,
e solo il bizzarro volare delle farfalle notturne
riempiranno di rumori il mondo,
allora verrò e tu mi accoglierai nel tuo letto.
Con te danzerò una danza guerriera,
I tuoi capelli ondeggeranno come un mare di papaveri
per ipnotizzare il mio desiderio,
i tuoi occhi che hanno nutrito il mare
mi faranno volare in cielo, sarò il cacciatore dei sogni
e lascerò cadere dentro il tuo cuore pazzie multicolori,
voli di farfalle, il blu e il verde delle piume dei pavoni,
ambra d’oro, il canto d’amore dei coralli.
Non ci sarà ne sole, ne luna, ne stelle
quando le mie mani conosceranno la sapienza dell’amore
e il piacere esploderà in sospiri, baci
estasi, latte, per il gioco dei tuoi fianchi
che danzano come api quando trovano i fiori.
Poi una esplosione dolce di gioia
fino a quel singhiozzo d’amore
che è l’infinito piacere del paradiso.
Enrico Garrou (28/10/2015)
Arunas Rutkus
Arunas+Rutkus+2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il caro amico Claudio Marcello Capriolo, appassionato di musica e storia ma sopratutto di montagna come me, (visitate il suo sito: è delizioso:https://clamarcap.wordpress.com/)
mi ha fatto un nuovo dono, per commentare musicalmente la poesia, consigliandomi questo pezzo:
FALLA: Ritual Fire Dance/Leibowitz che trovate su You tube: http://www.youtube.com/watch?v=3GR5dwPvEdY&ft=li

71 pensieri su “Stanotte

    • Tesoro, che cosa delicata mi scrivi. Ne sono felice, questa poesia la sento particolarmente
      perchè esprime in fondo un desiderio d’amore con una persona speciale. E i desideri d’amore vanno esauditi quando niente può più disturbare gli innamorati. Un caro saluto e grazie per le tue parole.

    • Grazie caro Tiferett, un piacere avere qui con me i miei amici di WP,
      sono affezionato a voi perchè siete nei vostri campi dei maestri. Levostre lodi sono acolte congrande gioia. Un abbraccio

    • Cara Rosa, che delizia quanto hai postato. Ma che tenerezza. lo so che sei una persona speciale, ma sei anche dolce. Grazie. Vedi, chi scrive poesie spera sempre che il lettore provi delle emozioni. Sono felice che sia successo. Un caro saluto

  1. Caro Enrico , e per quel meraviglio Singhiozzo d’amore che chiude e apre la vita che vale la pena vivere
    La tua poesia è fresca emozione da bere al mattino fino a sera e …ricominciare
    Un saluto affettuoso
    Eloi

  2. Cara Mi, sei deliziosa e ti ho risposto sul tuo blog. Sono felice che ti piacciano. Sono poesie semplici che parlano d’amore e di sogni. Non diventerò mai un Montale Un Caproni, un Tonino Guerra, ma sono felice così. Un abbraccio

  3. Immagini e sensazioni di rara bellezza contorniate da scenari della natura, particolarmente intensi, che rendono ancora più godibili i versi della lirica
    Buona serata, Enrico, silvia

    • L’amore, che piacere cantarlo, è desiderio, stupore, incanto. e per cantarlo devi aspettare che i suoni della natura e dell’uomo si attutiscano perchè l’amore è esigente non vuole essere disturbato. Un abbraccio grande poetessa è bellissimo leggerti.

  4. Quanta poesia, e soprattutto quanto sentimento profondo, anche in chi non e’ apertamente un poeta, la notte ispira sentimenti profondi, cioe’ in tutti, ispira la notte. Il buio della notte e’ addiarittura definito “bello” (esempio: in “amore bello” di Baglioni , “bella come il buio..”).
    Perché la notte, come pure il buio, hanno la loro bellezza. Il buio e’ un po’ come la solitudine, che e’ parimenti bella: ma ad essere bella è solo quella solitiudine voluta, e cercata, Le cose da noi cercate, e desiderate, sono sempre belle: non sono belle quelle che ci vengono oltre il nostro volere (buio, e solitudune, che ci invadono o permangono, oltre la nostra volontà, cessano di essere belli).
    Passa bona notti, nottèsta , amìgu- trascorri una buona notte,stanotte, amico…-.

    Curiosamente, in sardo, per dire “stanotte” diciamo “nottèsta”, che se ci si fa’ caso, e’ “stanotte” anagrammato, non capisco come sia nata questa cosa, ciao 🙂

    Marghian

    • Caro Marghian , sono profonde le tue osservazioni specialmente quando dici che la notte è bella e anche la solitudine, ma voluta. Si tutte le cose volute e cercate sono belle.Nottestà anche a Te, effettivamente è strana questa translitterazione di stà. Un abbraccio caro amico

      • La nota era un po’ personale, Enrico, come avrai capito. “La solitudnie voluta”, “ritagliarsi un momento proprio”, “per riflettere” e per altri motivi, anziche’ essere da soli anche quando non si vuole, in sardo “a maròlla”, letteralmente “di malavoglia” nel senso pero’ di “giocoforza”. Allora, non va piu’ bene.

        “stanotte” e’ “nottèsta”, l’accendo cade sulla “e”. Chiaramente e’ un italianismo, come altri ce ne sono nei nostri dialetti- si’, il sardo consta di diverse parlate-. Ciao 🙂

        Marghian

  5. “Con te danzerò una danza guerriera”
    E quella danza avrà il fuoco dentro come il fuoco sarà nei capelli di lei e nel suo sguardo di mare che si accenderà.
    “sarò il cacciatore dei sogni”
    Tu volerai nel silenzio “Stanotte” da una fiamma che vibrerà con te.

    Fai giungere profonde le emozioni forti di una notte d’amore.
    Le srotoli tutte fino a… “quel singhiozzo d’amore”.

    Un mio inchino con un sorriso per te, Enrico, poeta-sognatore.
    gb

    In tema la musica scelta da Claudio.
    Bella anche l’opera di Arunas Rutkus.

  6. Che stupenda notte hai creato!
    Mentre la natura fa il suo corso naturale, l’uomo lega in una lotta d’amore la sensualità atavica del talamo.
    Il commento musicale non poteva che ssere indovinato.
    Binomio perfetto.

    • Carissima, provo stupore a pensare alla mente dell’uomo e alla sua capacità di astrazione. A prescindere dal mio scritto. Non c’è qualcosa di Divino nel nostro pensiero?
      Scusa la considerazione, la poesia non c’entra, ma è un piacere condividere con te questo pensiero. Sulla poesia è vero ho giocato cercando di creare il buio con il mondo che si riposa, per avere questo pensiero d’amore con Lei senza che niente possa turbare il desiderio d’amore.Un grandissimo abbraccio.

      • Sicuramente nel pensiero dell’uomo c’è del divino, ma non tutti lo hanno però, non tutti possono creare l’astrazione dal mondo che li circonda..nè nel reale, nè nella poesia.
        La bellezza dell’uomo è proprio on quella traccia di divino che racchiude in se stesso. Peccato che spesso la lasciamo fuggire.

  7. Bonjour

    Il existe dans chaque coeur un petit tiroir secret

    Chacun y cache ses petits bonheurs

    Dans le mien brille cette étincelle

    Qui est ton amitié

    Au delà de cette porte de mon cœur

    S’ouvre un monde de tendresse rempli de bonheur

    Tes mots lors de tes passages sont plein de chaleur ,de gentillesse

    Par la pensée

    Chaque fois tes écrits sont un rayon de soleil

    Je te souhaite une excellente fin de journée

    Suivie d’une douce nuit étoilée

    Merci pour les messages

    Bise amicale

    Bernard

    Bon week-End de TOUSSAINT

      • Caro Enrico, la vita di tutti i giorni è complessa, non sempre si può star dietro a tutto, inoltre alcuni Blogger scrivono tantissimo e “intasano” il PC, così alcune cose sfuggono. È da un po’ che non pubblichi vero? Io dopo il vaticano, non so come andare avanti…Dammi un’idea? Felice sera, Giusy

      • Cara Giusy, riprendo il tuo scritto perchè dici una cosa che mi fa arrabbiare, invece di scrivere un pezzo al giorno c’è gente che scrive anche cinque sei articoli nella giornata! Ho la posta mail intasata e non leggo le cose che veramente contano. Si ma io non riesco a pubblicare più di un post alla setimana. Non mi interessa neanche. Cara Giusy, tu scrivi in maniera deliziosa, scrivi post sull’arte, magari sacra, su quadri o sculture che raccontano cose divine. Un abbraccio cara Giusy, buona serata.

    • Cara Gelsobianco, é vero ogni notte può esser ripetuta perchè il sognar è una delle qualità grandi dell’uomo: “.. Il tatuatore ambidestro costruì con il suo fiato costruì con il suo tatto,fragore del volto con l’incontro con il cuore, coloro che avrebbero allevato cose e suoni di sogno..” (Asturias)

  8. Bonjour ENRICO en ce début de semaine

    Quoi de plus que la joie de vivre

    C’est un rayon de lumière
    Qui luit au creux du jour

    C’est une caresse de rosée
    Qui rafraîchit nos heure

    C’est un sourire insolent
    Qui égaye les cœurs

    C’est une fleur fragile
    Qui se cueille avec douceur

    Dans le jardin des envies
    Je te souhaite une Excellente journée

    Gros bisous
    Bernard

  9. ★───────★───────★───────★
    ▐███▐█▀█▐█▀▀▐▌█▀▀───★ GIORNO
    ▐▐▐█▐█▀█▐█▄█▐▌█▄▄ ★ A TE * BY NANCY
    ★───────★───────★───────★

  10. Bonjour ENRICO

    L’amitié c’est une écoute
    Qui jamais ne se permet de juger
    Elle peut tout partager nos joies, nos secrets,
    Que ce soit la nuit, le jour elle vole à notre secours
    L’amitié c’est de l’or

    Belle semaine, bise amicale

    Bernard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...