Un incanto bianco

Alberi con ricami bianchi,
la slitta che ci porta lontano,
e il sordo rumore degli zoccoli
sul manto nevoso. Non parliamo,
solo sguardi e pensieri sottili
come la lama di freddo
che vuole penetrare
nei nostri vestiti, o forse nei nostri pensieri
per ghermire un segreto, o chissà
un sospiro.
Scendiamo, un ermellino danzando
scappa lontano,
su un ramo femmine di urogallo
guardano attonite un maschio,
con le piume della coda sgranate,
che danza ed emette suoni d’amore
per conquistare un cuore.
La neve incomincia a cadere, cristalli
luccicano sui nostri visi,
noi non possiamo parlare
ma solo ascoltare le emozioni che cadono
dal cielo e creano suoni
che si spengono nei fiocchi di neve.
Un pettirosso colora per un istante un ramo,
i nostri occhi si cercano felici
in questo bianco, fatato incanto.

Torino 15/5/21014

Georgij Moroz, neve e pettirossi     Gentilezza galleria Pirra.

M-738

6 pensieri su “Un incanto bianco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...